Fanwave.it
Fanwave.it

Napoli tra impronte di anime e macchine anatomiche

Cappella Sansevero
Cappella di Sansevero, primo piano di una delle macchine anatomiche

Napoli è da sempre città ricca di misteri e leggende, molte delle quali riferite alle sue chiese e cappelle. La più famosa di tutte è forse la Cappella Sansevero, nata come sacello sepolcrale della famiglia dei Sangro per volere di Giovanni Francesco Sangro nel 1590.

Rinnovata dal figlio Alessandro nel 1610 ed infine decorata da Raimondo, la Cappella Sansevero è una vera e propria “enciclopedia” ermetica ricca di misteri simboli fin dal pavimento, per non parlare delle annesse, nei sotterranei laterali alla cappella stessa, “macchine anatomiche” realizzate dall’anatomista siciliano Giuseppe Salerno che utilizzò scheletri veri per poi ricreare in cera ogni particolare anatomico.

Le misteriose macchine anatomiche della Cappella Sansevero

Una riproduzione così realistica che secondo una leggenda non si sarebbe trattato di una ricostruzione su semplici scheletri, bensì sarebbe stato inserito nelle arterie dei due cadaveri (ma c’è chi parla di due sventurati ancora vivi al momento del folle esperimento) un liquido, tutt’oggi sconosciuto, che ne avrebbe solidificato tutti i vasi sanguigni. In seguito i cadaveri sarebbero stati aperti e svuotati degli altri organi, lasciando solo la struttura ossea e il sistema circolatorio.

Cappella Sansevero
Cappella di Sansevero, una delle macchine anatomiche

Cappella Sansevero
Cappella di Sansevero, una delle macchine anatomiche

Il mistero di Santa Maria dei Vergini

Meno nota ma non meno interessante la leggenda e il mistero che circonda la più antica (venne fondata nel 1326) chiesa di Santa Maria dei Vergini, nata a sua volta sulla base di una cappella e dell’ospedale che gli abitanti di Porta San Gennaro (la più antica della città, citata già in documenti del 928 dopo Cristo) fecero edificare.

All’interno della sagrestia della chiesa monumentale sono tuttora conservati un antico inginocchiatoio ed un quadro di Cristo in croce. Su entrambi vi sono segni di antiche bruciature, in particolare sull’inginocchiatoio sono visibili segni di ginocchia derivanti da una bruciatura, mentre sul quadro quelli di due mani, anch’essi derivanti da bruciature.

Cappella Sansevero
Santa Maria dei Vergini, «Il dipinto della dannata»,

Secondo la leggenda un giovane e ricco mercante fiorentino giunto a Napoli si innamorò di una popolana, senza poterla tuttavia sposare a causa della differenza di classe. La ragazza sentitasi abbandonata e spinta dalla fame finì col divenire una prostituta per morire poi di stenti.

Preghiere non gradite per un'anima dannata

Venutolo a sapere il giovane, colpito da una crisi di coscienza, si ritenne colpevole di quanto le era accaduto, decise di farsi sacerdote ed iniziò a pregare per l’anima dell’amata. Le preghiere proseguirono incessanti fino a quando un giorno lo spirito della donna apparve al sacerdote, esclamando: “Basta, smettila di pregare per me. La mia anima è dannata”.

Il giovane non si dette per vinto e anzi pregò ancora con maggior fervore, finché lo spirito di lei non ricompare, minacciandolo: “Non hai capito cosa vuol dire essere dannati! Smettila di pregare per me, ora ti lascio un segno, così capirai il significato delle mie parole”. Ciò detto lo spirito della donna si pose prima sull’inginocchiatoio lasciando le bruciature a forma di ginocchia, poi pose le mani sul quadro di Cristo, lasciandone ugualmente le impronte bruciate.

Il fumo che si sprigionò fece svenire il sacerdote, salvato poi dai confratelli accorsi pochi istanti dopo. Dello spirito dannato non c’era più alcuna traccia se non quelle infuocate che ancor oggi sono visibili sui due oggetti con cui era venuto a contatto.

Tags: Fantasmi, Napoli, Miti