Fanwave.it
Fanwave.it

Il mistero dei bambini verdi di Woolpit

bambini verdi di Woolpit

Gli antichi astronauti alieni? Potrebbero non aver mai lasciato la terra, semplicemente aver deciso di stabilirsi al di sotto della sua superficie per osservare quello che accadeva sulla sua superficie senza dare troppo nell’occhio. La teoria potrebbe risultare meno fantasiosa di quello che sembra, se alcune leggende popolari riuscissero a trovare una conferma o confutazione definitiva.

La leggenda dei bambini verdi di Woolpit

Tra le più interessanti vi è quella dei due bambini che secondo le cronache dell’epoca apparvero nel XII secolo, probabilmente durante il regno di Stefano d’Inghilterra (Stefano di Blois, nipote di Guglielmo il Conquistatore, che regnò sull’Inghilterre dal 1135 al 1154) nel villaggio di Woolpit a Suffolk, in Gran Bretagna. Perché le cronache si interessarono di loro? Perché secondo la leggenda i due (fratello e sorella) avevano una pelle color verdastro, parlavano una lingua sconosciuta e mangiavano soltanto fagioli.

bambini verdi di Woolpit

Col tempo impararono a mangiare altri alimenti, la loro pelle perse il colorito verde pallido, ma il ragazzo si ammalò e morì poco dopo che lui e la sorella vennero battezzati. La ragazza sopravvisse e si adattò alla sua nuova vita, imparò la lingua inglese e spiegò in seguito che lei e il fratello provenivano da un luogo sotterraneo, buio dove non sorgeva mai il sole, chiamato “la terra di St. Martin”, in cui viveva altra gente come loro.

Citazioni che ritornano nei secoli

Prima di essere riscoperta nel diciannovesimo secolo la leggenda era stata riferita nella Historia rerum Anglicarum di William di Newbury (William Parvus), storico inglese del dodicesimo secolo, e nelle Chronicum Anglicanum di Ralph di Coggeshall, cronista inglese che fu monaco e poi abate di Coggeshall, un monastero cistercense di Essex, dal 1207 al 1218. La leggenda fornì poi lo spunto al poeta e critico letterario britannico Herbert Edward Read (morto nel 1868) per un suo racconto, “The Green Child” (il bambino verde), pubblicato nel 1935.

Da allora la storia è stata più volte riletta in chiave fantasy, magica o ufologica. Potrebbe infatti trattarsi dell’incontro immaginario con creature del mondo delle fate e dei folletti, o essere un’autentica testimonianza di una discendenza di antichi visitatori provenienti da altri mondi o dimensioni, o ancora, secondo i sostenitori della teoria della terra cava, di uno dei tanti contatti tra gli abitanti “di sotto” e quelli di sopra la superficie terrestre.

Un antico caso di discriminazione razziale?

A meno che, come sostengono alcuni tra cui Jeffrey Jerome Cohen, professore di Inglese e direttore dell’Institute for Medieval & Early Modern Studies, nonché ricercatore e studioso di fenomeni misteriosi, tutta la storia e le sue successive reinterpretazioni non coprano altro che un antico caso di “discriminazione razziale” tra i moderni Inglesi e gli antichi Britanni, popolazione celtica tra i cui usi vi era quello di pitturarsi il volto o l’intero corpo con tinture di colore azzurro/verdognolo. Insomma: gli “antichi alieni” sarebbero stati solo antiche minoranze razziali, il cui ricordo si è poi trasformato in folletti e fate, o si è trattato di qualcosa di realmente "alieno"?

Tags: Misteri irrisolti