Fanwave.it
Fanwave.it

L’Ufo di Villanova del 1936

ufo sigariforme
Illustrazione di un ufo sigariforme.

Gli Ufo piacciono, e non poco, anche alla grande stampa italiana e non, che da tempo ha scoperto come quando parla di misteri, Ufo e paranormale riesca a ottenere buoni dati di traffico sui propri siti e di lettura dei propri periodici. Non c’è dunque da stupirsi se lo stesso Panorama, sul suo sito web, ha raccontato la storia di un testimone italiano di un avvistamento ufo accaduto nell’ormai lontano 1936.

Il testimone in questione, Maurizio, oggi 87enne, ha contattato la giornalista di Panorama, Sabrina Pieragostini, che ha presentato proprio il libro, dedicato a documenti e testimonianze del fenomeno Ufo, rivelandole ciò a cui ha assistito. 79 anni fa, quando Maurizio aveva solo otto anni, verso sera, mentre attraversava in bicicletta Villanova, sentì levarsi un vento fortissimo, che piegava anche i rami degli alberi. Dopo essersi fermatosi preoccupato, Maurizio afferma di aver appoggiato la bici e di aver visto qualcosa che non si riusciva a spiegare.

In mezzo a un campo si scorgeva un oggetto molto grande, “sui venti metri” o più, di forma allungata e simile ad un sottomarino con numerosi finestrini. Sconvolto da quella visione Maurizio si sarebbe come paralizzato, finché l’oggetto stesso non accese una luce, la spense e poi schizzò via in verticale, sparendo rapidamente dalla vista. Maurizio rimase sbigottito e decise che sarebbe stato meglio tenere la sua famiglia all’oscuro, secondo quanto lui stesso afferma oggi, precisando che l’unica persona a cui l’ha detto in questi anni è stata a sua moglie undici anni dopo, nel 1947 a guerra finita.

L’incontro con lo strano veivolo è rimasto impresso nella memoria e nella fantasia di Maurizio, oggi in pensione dopo una vita spesa a fare il dirigente d’azienda. Una persona “senza grilli per la testa” lo definisce la Pieragostini, dunque tendenzialmente un testimone affidabile. La giornalista nota anche come come quello che il testimone ha definito simile a un sommergibile oggi potrebbe definirsi un Ufo sigari forme e come il decollo verticale all’epoca fosse impossibile per gli aerei esistenti (mentre i primi esemplari di elicotteri avevano una forma che in nessun modo avrebbe ricordato un sommergibile).

Il racconto appare credibile, anche se non vi sono prove di alcun tipo a suo sostegno, né altri testimoni né tanto meno foto o filmati e dunque Maurizio avrebbe potuto inventarsi tutto, o aver sofferto di un’allucinazione che col tempo ha assunto caratteristiche sempre più vivide nella sua memoria. Se il racconto dovesse essere autentico resta da capire se quel genere di presenze in Italia deve considerarsi un’eccezione o piuttosto non sia la conferma di una serie di visite frequenti del nostro paese da parte degli Ufo. Solo il tempo lo dirà, come sempre.

Tags: Italia, Ufo, Avvistamenti