Fanwave.it
Fanwave.it

Il codice delle mani delle società segrete

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 4.83 (3 Votes)
strette di mano massoniche

Le società segrete hanno sempre usato gesti misterici e segnali di riconoscimento segreti, in grado di essere intesi e interpretati dagli aderenti alle varie società segrete, ossia gli iniziati. La stretta di mano, in particolare, può rivelare agli aderenti ad una stessa società segreta o loggia massonica molto del confratello, senza che le due persone che si stanno scambiando il saluto debbano riconoscersi apertamente.

Strette di mano, un codice massonico

Alcune delle strette di mano (“token”) utilizzate dalla massoneria, in particolare, sono trapelate all’esterno tanto che vi è il dubbio se ancora siano utilizzate o se siano ormai state sostituite da nuovi segnali in codice. Sia come sia, la più diffusa è stata a lungo la stretta di mano nella quale il pollice batte tre volte sulla nocca delle dita della mano del confratello, con una estensione e una forza che varia in base al grado del confratello stesso, dall’apprendista al gran maestro.

strette di mano massoniche

L’apprendista, in particolare, preme col pollice la nocca dell’indice del confratello; nel caso di un massone compagno artigiano il pollice preme la parte superiore tra la prima e la seconda nocca della mano destra del confratello; un massone capomastro afferra la mano destra del confratello saldamente, le punte delle sue dita premono con forza contro il polso dell’altro, indice e medio sono abbastanza distanziati da anulare e mignolo, quasi a formare una V.

Codice delle mani molto articolato

Molti altri sono naturalmente i segnali che un massone, o un membro di altre società segrete come quelle di cui già parlò Fanwave ne Le 10 società segrete più influenti al mondo, utilizza per comunicare con gli altri confratelli: dal dito appoggiato alle tempia che punta verso l’alto, al doppio dito che punta verso l’alto, dal pugno chiuso (o al contrario la mano, aperta) sulla guancia destra, al dito appoggiato alle labbra, dalla mano sulla cravatta o sul collo alla mano nascosta all’interno di un cappotto, giacca o panciotto, dalla mano sul petto alla “presa del leone”.

strette di mano massoniche

E poi ancora braccia a squadra, incrociate, dita o mano sotto il mento, mano sugli occhiali, mano che si congiungono a forma di triangolo o calice e altre ancora. Notate come molti di questi simboli possano facilmente passare inosservati, ovvero assomigliare a gesti dell’uso comune.

Mani famose mandano segnali in codice

Questo serve a celare ai non iniziati l’appartenenza, il grado e le intenzioni degli aderenti a massoneria o ad altre società segrete dei suoi membri ma ha anche finito col dare origine a numerose voci, difficilmente riscontrabili, circa l’appartenenza di personaggi di primo piano di tutto il mondo in ogni campo, dall’economia alla politica, dall’industria alla religione, a tali gruppi segreti e misterici.

Qualche nome? Si va da Napoleone Bonaparte (divenuto celebre per la posa con mano nascosta) a molti dei papi e cardinali più noti della storia recente, da Wolfgang Amadeus Mozart a Giuseppe Garibaldi, da Malcom X a Giovanni Agnelli, Antonio De Curtis (Totò) a Silvio Berlusconi, tutti ritratti con indici puntati verso l'alto, appoggiato contro la tempia, e le altre dita della mano chiuse in basso. Semplici coincidenze o veri segnali inviati grazie al codice delle mani massonico?

Tags: Teorie del complotto, Società segrete