Fanwave.it
Fanwave.it

John Lennon, 35 anni fa un misterioso omicidio

John Lennon
John Lennon

Sono già passati 35 anni: l’8 dicembre 1980 John Lennon veniva colpito da quattro colpi di pistola alla schiena dei cinque sparati da Mark David Chapman mentre si trovava davanti al Dakota Building di New York e moriva circa 20 minuti dopo tra le braccia della moglie Yoko Ono. Solo quattro ore prima John e il suo assassino si erano già incontrati, nello stesso punto, all’uscita della coppia dal Dakota Building quando Chapman strinse la mano all’ex Beatles e si fece firmare un autografo sulla copertina di “Double Fantasy” l’ultimo album di John.

La dinamica dell’omicidio ha presentato sin dall’inizio molti misteri. Perché Chapman non si è allontanato, ma è rimasto a leggere “Il giovane Holden” di J.D. Salinger sino all’arrivo della polizia che lo arrestò senza che questi opponesse resistenza? Perché Chapman quattro anni prima venne visto alle Haiwaii, presso un centro per agenti segreti della Cia e delle forze speciali? Chi aveva incontrato l’anno precedente, mentre svolgeva un incarico di consulente per l'infanzia nei campi profughi della World Vision International del Laos (e successivamente a Beirut e in Arkansas)? Che relazione poteva esistere tra Chapman e John Warnock Hinckley, Jr., l’uomo che nel marzo del 1981 sparò al presidente Ronald Reagan?

Mark David Chapman
Mark David Chapman, appena arrestato e dopo i primi 20 anni di prigione

Hinckley aveva una copia de “Il giovane Holden” nella sua stanza d’albergo e suo padre, John Warnock Hinckley, dal 1976 divenne presidente e membro del Cda della stessa World Vision International. Alcuni sospettano che non si tratti di semplici coincidenze, visto che John era da tempo sotto controllo da parte dell’Fbi che sospettava lui e la moglie Yoko Ono di simpatie comuniste e che la World Vision International venne sospettata di reclutare potenziali assassini di dissidenti comunisti per conto della Cia, agenzia cui si dice lavorasse anche il portiere del Dakota Building in sevizio la notte in cui John venne ucciso, Jose Perdomo, un anti castrista in esilio da Cuba che avrebbe preso parte anche al fallito sbarco della Cia alla baia dei porci.

John Lennon
Tributo a John Lennon a Central Park (New York)

Per la storia ufficiale Lennon è morto per la sola colpa di aver avuto successo e aver innescato involontariamente una depressione nella mente squilibrata di Chapman che come esisto ultimo ha avuto quello di far pedinare prima e assalire poi il cantante da un pazzo squilibrato. Per chi però crede nelle teorie cospirazioniste quella di Lennon non è stata una morte casuale ma premeditata da personaggi legati agli ambienti dei servizi segreti statunitensi. Quel che resta da capire anche a distanza di 35 anni è il motivo per cui un musicista poteva fare tanta paura al punto da volersi garantire il suo silenzio eterno.

Tags: Misteri irrisolti