Fanwave.it
Fanwave.it

Lastra di Palanque, punti di vista

Palanque
Alberto Ruz Lhuillier

E’ probabilmente la lastra tombale più nota al mondo: il sarcofago di Pacal II “il grande”, re Maya di Palanque vissuto tra il 603 e il 683 dopo Cristo, rinvenuto il 15 giugno 1952 dall’archeologo Alberto Ruz Lhuillier all’interno della piramide nota come il Tempio delle Iscrizioni, venne terminato simultaneamente alla costruzione della piramide stessa, dato che diversamente non sarebbe stato possibile inserire né il sarcofago, né la celebre lapide che lo copre.

La lapide, spessa 25 centimetri, raffigura Pacal II come seduto sopra una struttura a croce, a sua volta racchiusa in quella che sembra la raffigurazione della sezione di una fusoliera di un razzo, un veivolo alieno spinto da motori a razzi dai quali sembrano infatti alzarsi abbondanti fiamme. Altri dettagli sembrerebbero raffigurare l’ala di deviazione dei gas di propulsione, mentre lo stesso re Maya pare avere nelle narici un respiratore, la sua mano destra pare poggiata sull’asse di comando e il piede sinistro sull’acceleratore.

Palanque
Visione orizzontale della lastra tombale di Palanque

Tutto questo è molto facile da osservare “leggendo” orizzontalmente l’immagine. Ma gli archeologi hanno un’idea diversa: la raffigurazione non andrebbe infatti vista in orizzontale, ma in verticale. Pacal II sarebbe raffigurato mentre cade dall’albero della vita, in cima al quale sarebbe rappresentato il serpente piumato che rappresenta Itzamnà, il dio creatore, verso il regno dei morti. Vicino a Itzamnà è raffigurata una pianta di mais, allora come oggi l’alimento base della cucina centroamericana e infatti lo stesso Pacal II appare rafffigurato con indosso il gonnellino tipico del dio Maya del mais.

Palanque
Visione verticale della lastra tombale di Palanque

Pacal II cadendo sta per essere inghiottito dalle fauci di un serpente e sotto di lui vi sarebbe la raffigurazione del dio della Terra e della morte (e non un motore a reazione). Completa la lastra un bordo istoriato con iscrizioni che narrano la storia personale di Pacal II e del suo regno. Insomma, a Palenque è stato raffigurato un antico astronauta o una rappresentazione allegorica del trapasso del re? Dipende dai punti di vista, decisamente: voi preferite “leggere” l’immagine da sinistra a destra o dall’alto verso il basso? Se volete verificare di persona non vi resta che recarvi a Palenque, in Messico, dove dall’ottobre del 2010 la lastra è stata riportata alla sua originale collocazione.

Tags: Antichi alieni, Misteri risolti