Fanwave.it
Fanwave.it

Chi protegge il “bel paese” dai terroristi?

Servizi Segreti Italiani

Dopo i tragici fatti di Parigi pare inevitabile chiedersi se finora il “bel paese” non abbia subito attentati di una simile gravità perché meglio difeso o per mera fortuna. Ma a chi fa capo in Italia la difesa di obiettivi e località più o meno sensibili? Accanto alle forze armate (esercito, marina, aviazione) e di polizia (carabinieri, guardia di finanza, polizia di stato, polizia penitenziaria) se ne occupano i “servizi segreti”, ossia quei servizi deputati alle attività di intelligence che operano per garantire la sicurezza interna ed esterna e l’incolumità del paese stesso, in questo caso la Repubblica Italiana.

Il primo servizio segreto italiano fu il Servizio di informazioni militari, o Sim, attivo dal 1925 al 1945, di cui facevano parte ufficiali dei carabinieri; dopo la Seconda Guerra Mondiale vennero istituiti, sempre in ambito militare, il Sifar (Servizio di informazioni forze armate) dal 1949 al 1966, e poi il Sid (Servizio informazioni difesa), dal 1966 al 1977. Sciolto quell’anno il Sid, al suo posto vennero create due strutture: il Sismi (Servizio di informazioni sicurezza militare) e il Sisde (Servizio per le informazioni e la sicurezza democratica), entrambi sostituiti a seguito della riforma dei servizi segreti del 2007 dalle attuali Aisi (Agenzia informazioni e sicurezza interna) e Aise (Agenzia informazioni e sicurezza esterna), a loro volta facenti parte del più ampio Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica.

Servizi Segreti Italiani
Il logo del Sistema di informazione per la sicurezza della Repubblica, l’insieme degli organi e delle autorità che, nel nostro Paese, hanno il compito di assicurare le attività informative allo scopo di salvaguardare la Repubblica dai pericoli e dalle minacce provenienti sia dall’interno sia dall’esterno.

Al vertice dell’Aisi è dal giugno 2012 il generale di corpo d’armata Arturo Esposito, mentre il dottor Alberto Manenti (entrato nel 1980, quando era capitano dell’esercito, nel Sismi) è dall’aprile 2014 ai vertici dell’Aise. Entrambi, come i vertici del Dipartimento delle informazioni per la sicurezza (Dis), dell’Autorità delegata per la sicurezza della Repubblica (Adsr) e del Comitato interministeriale per la sicurezza della Repubblica (Cisr) fanno riferimento diretto al presidente del Consiglio dei ministri, ossia attualmente al premier Matteo Renzi, finora difeso da una scorta “leggera” rispetto alla trentina di agenti che si occupava dell’ex premier Silvio Berlusconi. Gli uomini del generale Esposito (dal novembre 2009 al giugno 2012 già capo di stato maggiore del comando generale dell’arma dei carabinieri) sono dunque preposti a tutelare la sicurezza del territorio nazionale e dei possibili “obiettivi sensibili”.

Eppure secondo il giornalista Pierangelo Maurizio (di Libero Quotidiano) anche loro lo scorso luglio si sarebbero dovuti arrendere ad un attacco hacker ai danni della società italiana Hacking Team, società che in base a documenti pubblicati da Wikileaks aveva messo a punto, con l’americana Insitu (gruppo Boeing), un progetto per trasportare tramite droni software spia in grado di bucare reti Wifi, Tor e Android. L’attacco hacker (forse una ritorsione di qualche agenzia cliente) avrebbe “forato” i server della società e diffuso in rete elenchi di uomini e operazioni dell’Aisi. Per questo, aggiungeva Maurizio, “gli organi investigativi della polizia, il Ros dei carabinieri, la Guardia di finanza, l’Aisi tengono i loro server spenti” onde evitare che i virus introdotti dagli hacker nel sistema causassero ulteriori danni.

Servizi Segreti Italiani
L'organigramma del Sisr

La notizia è stata però smentita all’Ansa da “fonti qualificate degli apparati di sicurezza” che hanno precisato come l’Aisi non abbia mai avuto “alcun rapporto con Hacking Team” e come gli elenchi degli uomini di Esposito “non sono stati in alcun modo bucati da attacchi hacker”. Anzi, i controlli effettuati avrebbero dimostrato che il sistema di protezione dell’Aisi, strutturato in progressive barriere di sicurezza è riuscito “a proteggere sia le operazioni intelligence sia gli agenti impegnati nelle attività” e che non è “possibile sbullonare dati sensibili e riservati delle agenzie” che non avrebbero pertanto mai dovuto spegnere i server. Insomma: per ora i cyber-attacchi alla sicurezza di dati sensibili sono stati rintuzzati, si spera con un Giubileo alle porte che anche ogni minaccia “fisica” sia ugualmente neutralizzata.

Tags: Terrorismo, Italia, Servizi segreti