Fanwave.it
Fanwave.it

I tesori dell’Isola del Cocco attendono ancora

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 5.00 (4 Votes)

I tesori dell’Isola del Cocco

Credete che tutti i tesori nascosti dai pirati siano stati ritrovati? Vi sbagliate: l’Isola del Cocco, situata nell’Oceano Pacifico al largo del Costa Rica sotto la cui sovranità ricade, ne nasconde ancora almeno quattro, nascosti da altrettanti celebri pirati tra il XVII e il XIX secolo. L’isola, di origine sia vulcanica sia tettonica, è la sola emersa della placca di Cocos ed è emersa, secondo le datazioni delle sue rocce, tra 1,9 e 2,4 milioni di anni fa. Con quattro baie, tre delle quali (Chatham, Wafer e Weston) lungo il lato nord, l’Isola del Cocco ha vari fiumi e torrenti ed è stata dichiarata dal 1978 parco nazionale nonché, dal 1998, patrimonio dell’umanità secondo l’Unesco.

I quattro tesori tuttora nascosti sull’Isola del Cocco sono: il cosiddetto Bottino di Lima, sepolto dal capitano William Thompson nel 1820 che consisterebbe in tonnellate d’oro e d’argento che sarebbe stato sepolto in 12 diverse casse, non si sa se tutte insieme o in diverse località; quello del bucaniere inglese Edward Davies, sepolto nel 1685, consistente in varie casse di oro e d’argento; quello di Bennett Graham, che nel 1818 sequestrò un carico di oro proveniente da Acapulco; quello del portoghese Benito “Espada Sangrienta” Bonito, nel 1819. Sempre sull’Isola del Cocco sarebbero stati sepolti poi tesori “minori” da parte di altri pirati.

I tesori dell’Isola del Cocco

Il cercatore di tesori più determinato nel trovare i tesori dell’Isola del Cocco, in particolare il tesoro di Thompson e quello di Bonito, è stato senza dubbio l’avventuriero tedesco August Gissler, che arrivò a vivere sull’isola dal 1889 al 1908 assieme alla moglie Mary, ottenendo dal governo del Costa Rica la possibilità di formare una colonia tedesca che però nel giro di sette anni era già scomparsa a causa delle difficili condizioni climatiche.

Alla fine, dopo vent’anni di inutili ricerche, i Gissler lasciano nel 1908 l’isola per trasferirsi a New York dove August morirà nel 1935. In tutto Gissler trovò 35 monete d’oro spagnole, un po’ poco per parlare di un tesoro, ma l’avventuriero tedesco sino all’ultimo continuò a progettare un suo ritorno sull’isola per riprendere le ricerche dei quattro famosi tesori. Che forse sono ancora lì da qualche parte che aspettano di essere riscoperti e far ricchi i loro ritrovatori.

Tags: Misteri irrisolti, Pirati, Costa Rica