Fanwave.it
Fanwave.it

Il misterioso incidente di Shag Harbour

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 4.58 (6 Votes)

Shag Harbour
Ricostruzione dell'incidente

Shag Harbour è un villaggio di pescatori della Nuova Scozia, in Canada: la principale attività della piccola località è la pesca dell’astice, da novembre a maggio, ma non è per questo che Shag Harbour è divenuta famosa, sin dal 4 ottobre 1967. In tale data, infatti, undici persone, tra cui in particolare quattro amici che stavano attraversando il paese in auto, furono testimoni di quello che a tutt’oggi è ritenuto un episodio “senza spiegazioni” dalle autorità canadesi.

Attorno alle ore 23 un oggetto di grandi dimensioni sfrecciò nel cielo davanti agli undici testimoni che lo descrissero come una sfera del diametro apparente di circa 20 metri, di colore ambrato con cima quattro luci che lampeggiavano in sequenza. La misteriosa sfera luminosa si spostava ad una velocità di circa 80 chilometri orari seguendo una traiettoria inclinata di circa 45 gradi, per poi terminare la sua corsa nelle acque del porto, generando un lampo luminoso e un forte scoppio.

Shag Harbour
Non mancano le indicazioni per raggiungere il luogo dell'incidente di Shag Harbour

Pensando che potesse trattarsi di un incidente aereo, Laurie Wickens, uno dei quattro amici, telefonò alla polizia di Barrington, una cui pattuglia (composta dall’ufficiale Victor Werbicki e dall’agente Ron O' Brian, che raggiunsero l’agente Ron Pond, già sul posto ed anzi tra gli undici testimoni oculari del crash) fu mandata a investigare. I tre agenti riferirono di aver visto a circa 800 metri dalla riva un oggetto galleggiante a pelo d’acqua, emittente una luce giallastra. Poco dopo un battello della Guardia Costiera partì dal porto di Clark raggiungendo Shag Harbour assieme a diversi battelli di pescatori ma quando arrivarono sul luogo del crash l’oggetto si era ormai inabissato.

Tutto ciò che rimaneva era una scia di schiuma gialla d’odore simile a quello dello zolfo; le ricerche andarono avanti fino alle 3 di notte per poi riprendere all’alba, ma senza risultati. Nessun aereo, né militare né civile, risulta essere scomparso in quella data, mentre anche l’ispezione sottomarina condotta da una squadra di 8 sommozzatori della HMCS Granby, giunta sul posto dal porto di Shelburn quattro giorni dopo, ebbero alcun risultato.

Alcuni dei testimoni, tuttavia, più che di un crash parlarono di un inabissamento, spiegando che il misterioso veivolo era sembrato mantenersi sull’acqua alcuni istanti prima di scomparire al di sotto della superficie del mare. Inoltre non ci sarebbe stata solo la HMCS Granby a cercare il veivolo, ma anche, nei giorni e settimane successive, diverse altre navi sia canadesi sia statunitensi, guidate dalla HMCS Shelburne, che operava come base di ricerca sottomarina gestita congiuntamente dalle due marine militari nell’ambito del programma top secret Integrated Undersea Surveillance System (Iuss).

Secondo altri testimoni, tra cui alcuni ex militari canadesi intervistati nel corso di un documentario del 2006 di History Channel, l’oggetto sarebbe in realtà provenuto dall’Alaska e dopo l’inabissamento si sarebbe ulteriormente spostato per una quarantina di chilometri. Secondo questa versione le navi militari avrebbero in realtà identificato il veivolo, fotografandolo e raccogliendo alcuni frammenti staccatisi dalla superficie dello stesso. A quel punto, sostengono alcuni, un secondo veivolo avrebbe raggiunto, per via subaquea, il primo, forse per aiutarlo.

Shag Harbour
Laurie Wickens si trovava fuori con degli amici quando videro l'Ufo

Mentre le navi americane e canadesi tenevano d’occhio la scena, un sottomarino sovietico (per alcuni alla ricerca di quello che sarebbe stato in effetti un satellite sperimentale sovietico) sarebbe stato rilevato dai sonar in avvicinamento, provocando un ripiegamento delle navi stesse nel tentativo di intercettarlo. I due veivoli avrebbero approfittato della circostanza per allontanarsi, riemergere nel Golfo del Maine e sparire nella notte. Curiosamente il Chronicle-Herald, quotidiano locale della Nuova Scozia, riportò il 12 ottobre 1967 di un nuovo avvistamento di un Ufo in allontanamento dalla superficie terrestre la notte precedente a poca distanza da Shag Harbour.

Tags: Ufo, Misteri irrisolti, Avvistamenti