Fanwave.it
Fanwave.it

Il Vaticano è pronto a evangelizzare gli alieni

Il Vaticano è pronto a evangelizzare gli alieni

Il Vaticano si prepara a inaugurare in un futuro non troppo lontano nuove missioni in terre lontane, anzi in pianeti lontani? Sono oltre 5 anni da quando in un’intervista [link] padre Jose Gabriel Funes, direttore della Specula Vaticana, descrisse la missione dell’astronomia come il “restituire agli uomini la giusta dimensione di creature piccole e fragili davanti allo scenario incommensurabile di miliardi e miliardi di galassie” aggiungendo: “Come si può escludere che la vita si sia sviluppata anche altrove?”. Esaminando gli spettri della luce che viene dalle stelle e dai pianeti, aggiunse Funes, “presto si potranno individuare gli elementi delle loro atmosfere - i cosiddetti biomakers - e capire se ci sono le condizioni per la nascita e lo sviluppo della vita. Del resto, forme di vita potrebbero esistere in teoria perfino senza ossigeno o idrogeno”.

Padre Jose Gabriel Funes, direttore della Specola Vaticana
Per il Vaticano la vita aliena non contrasta la fede

La posizione di padre Funes, secondo cui come esiste una molteplicità di creature sulla terra, “così potrebbero esserci altri esseri, anche intelligenti, creati da Dio” e dunque questa ipotesi “non contrasta con la nostra fede, perché non possiamo porre limiti alla libertà creatrice di Dio”, non è rimasta isolata, anzi. Lo stesso Papa Francesco ha esortato: “e se i marziani, sì, proprio quelli verdi con le orecchie a punta, ci chiedessero il battesimo? La Chiesa vada oltre i limiti!”

La possibilità della presenza su altri pianeti di esseri viventi dotati di ragione era già stata ammessa da prima degli anni Cinquanta da teologi cattolici, al pari dell’ipotesi che gli Ufo fossero di origine aliena. Il gesuita padre Benito Reyna, astronomo e professore di Fisica presso l’Università del Salvador a Buenos Aires, affermò: gli Ufo sono oggetti reali le cui strutture, velocità e traiettorie, sono state sia fotografate, sia registrate dai radar”, sono “navi di lontani pianeti” delle quali lui stesso da due osservatori aveva “seguito le evoluzioni scoprendo che “quasi sempre essi seguivano dei satelliti o i missili che li mettevano in orbita, ma sempre ad una certa distanza, come per non disturbarli con il loro campo magnetico”.

Papa Francesco e gli alieni
Papa Francesco fotoritoccato con ET
Incontro con alieni nordici nel 1954

Insomma la Chiesa è più che aperta all’ipotesi degli extraterrestri e degli Ufo. Ma forse non è tutto: secondo voci che periodicamente affiorano sul web e che almeno in parte sono state confermate dalle indagini svolte dal ricercatore partenopeo Cristoforo Barbato riguardo l’esistenza di rapporti tra i servizi segreti del Vaticano (che taluni indicano come Siv, Servizi informativi vaticani, ma che di fatto è una funzione svolta dalla Gendarmeria Vaticana) ed entità extraterrestri.

Secondo Barbato dopo la pubblicazione, nel 2000, di una serie di articoli inerenti l’apparizione di Fatima e il suo Terzo Segreto, iniziò a ricevere mail da una fonte anonima autodefinitasi “insider” degli stessi servizi segreti vaticani. La fonte, che sarebbe poi risultata essere un gesuita (ordine cui appartiene lo stesso Papa Francesco), rivelò che nel febbraio del 1954 una delegazione aliena incontrò in California, presso la base di Muroc Airfield (in seguito denominata Edwards Air Base), il presidente Dwight Eisenhower e una delegazione di cui faceva parte l’allora Vescovo di Los Angeles, James Francis McIntyre.

Pio XII e Giovanni XXIII consigliarono prudenza

Nonostante la richiesta del governo americano di tener segreta la cosa, McIntyre avrebbe informato Papa Pio XII dell’avvenimento; in seguito McIntyre ed altri esponenti dei servizi segreti vaticani iniziarono ad avere incontri diretti con una razza aliena che nel suo resoconto Barbato definisce “di tipo nordico, apparentemente positiva, proveniente dalle Pleiadi”, alieni che si sarebbero tenuti sia negli Usa sia all’interno dei Giardini Vaticani presso la Pontificia Accademia delle Scienze alla presenza di Papa Pio XII.

Anche Giovanni XXIII avrebbe proseguito questi incontri durante tutto il suo breve pontificato, pur esprimendo più volte il suo disappunto per una apertura “eccessiva” nei confronti di questi esseri, per quanto “fratelli nel cosmo”. L’opinione di Papa Roncalli venne confermata dai suoi successori, che ritennero che non fosse opportuno avere ulteriori contatti diretti con questi “esseri positivi” provenienti da altri mondi, la cui attività non andava ostacolata ma tenuta distinta da quella della Chiesa.

Papa Francesco e gli alieni
Il presidente Dwight Eisenhower

Affascinanti ma finora del tutto priva di un riscontro sono invece le voci secondo cui in Vaticano sarebbero stati ritrovati alcuni anni or sono, dopo lavori di ristrutturazione di una cantina vecchia di secoli ubicata sotto la biblioteca del Vaticano, di alcuni misteriosi teschi allungati simili ai celebri teschi di Paracas di cui Fanwave ha già parlato [link] e che qualcuno vorrebbe di origine aliena. Una scoperta sulla quale Papa Giovanni Paolo, dietro richiesta di vari servizi segreti mondiali, ordinò venisse conservato il “massimo silenzio”. Una consegna che, insolitamente, sembrerebbe essere stata eseguita alla perfezione per tutti questi anni, visto che nessuna notizia ufficiale (né smentita) è mai stata diramata da allora.

Tags: Alieni, Papa, Chiesa Cattolica, Incontri ravvicinati