Fanwave.it
Fanwave.it

Furono virus alieni a causare le epidemie di peste?

Furono virus alieni a causare le epidemie di peste?
Immagine al microscopio elettronico di una massa di batteri Yersinia pestis.

Cosa sta per raccontare la Nasa su Marte, che è stata trovata la prova dell’esistenza di depositi di acqua, o forse persino tracce di vita a livello microbico? Entrambe le ipotesi sono affascinanti e potrebbero avere importanti conseguenze nel primo caso in vista del futuro viaggio su Marte che l’ente spaziale americano sta cercando di realizzare da qui a una decina di anni, nel secondo caso forse persino per riscrivere la storia del genere umano. Se Milton Wainwright, microbiologo ricercatore dell'Università di Sheffield, di cui vi abbiamo già parlato [link] afferma da mesi di aver trovato potenziali tracce di vita extraterrestre nella stratosfera, sotto forma di particelle della dimensione dei virus, qualche esperto non esclude che un contatto con antichi astronauti possa aver dato il via a malattie e calamità finora considerate “naturali”, come la peste.

E’ una tesi espressa anche in una puntata di “Enigmi Alieni” intitolata “Epidemie dallo spazio”, prodotta da History Channel (distribuito anche in Italia da Focus), in cui si racconta come durane l’epidemia di peste nera, in pieno Medioevo, alcune cronache riferirono di strane luci nel cielo, descritte come navi di bronzo (o scudi d’oro) che emettevano una strana nebbia e di uomini in nero apparsi improvvisamente nelle campagne. Non più tardi del 2011 uno scienziato della Nasa, Richard Hoover, ha pubblicato le prove della scoperta di vita nei meteoriti. È possibile che gli antichi microbi alieni abbiano in qualche modo plasmato la storia umana?

Furono virus alieni a causare le epidemie di peste?
I topi, tramite le feci e l'urina, sono i principali diffusori del batterio della peste.

Difficile dirlo con certezza, ma certo se fossero state identificate tracce di vita a livello particellare su Marte l’ipotesi prenderebbe una nuova consistenza. Di certo le antiche testimonianze sono alquanto impressionanti: si sa che nel 1557 in Arabia Saudita fu avvistato una cometa simile ad una trave di legno appuntita, ma a guardarle con occhi contemporanei l’illustrazione della cometa sembra più riferirsi a un’astronave che a una palla di ghiaccio vagante nello spazio. Come pure si sa che la rappresentazione della morte come mietitore nero vestito che pareva spruzzare una strana sostanza sul terreno attraverso un attrezzo identificato con una falce ma che forse falce non era.

Erano scienziati alieni che provavano a diffondere germi alieni sul pianeta per accelerare un processo di selezione naturale? E se sì potevano provenire da Marte? Un pezzo del puzzle potrebbe essere rivelato dalla Nasa, per gli altri, in grado di chiarire se mai la Terra sia stata una sorte di “laboratorio” da parte di una o più razza aliena, la sensazione è che dovremo attendere ancora un poco.

Furono virus alieni a causare le epidemie di peste?
La peste nera non è un ricordo del passato, sono numerosi i focolai di peste che si sviluppano in svariate parti del mondo “civilizzato”.


Tags: Salute, Scienze, Vita extraterrestre, Teorie scientifiche