Fanwave.it
Fanwave.it

L’esperimento horror di Tuskegee (Alabama)

Tuskegee
Inoculazione della sifilide

Le storie dell’orrore, si sa, provocano emozioni forti perché inconsciamente sappiamo che per quanto assurda possa essere una storia, scavando spunta sempre fuori una qualche verità di fondo. Le storie che ci fanno più paura sono quelle di persone malvagie che senza mostrare alcuna pietà torturano o fanno esperimenti maledetti contro persone indifese e queste possono turbare la psiche non solo di una singola persona ma di intere comunità. Per molti anni, ad esempio, gli americani di colore sospettarono che l’Aids potesse essere un virus rilasciato volutamente da qualche gruppo ultraconservatore bianco per eliminare o ridurre fortemente il numero di afroamericani.

Tuskegee
Il batterio Treponema pallidum responsabile della malattia

Una paura irrazionale? Probabilmente, ma con una motivazione fin troppo concreta alla radice, visto quel che avvenne in Alabama nel 1932. All’epoca una delle malattie più pericolose era la sifilide, che poteva causava sofferenze, pazzia e portare alla morte. I trattamenti in voga erano spesso pericolosi quasi quanto la malattia (si faceva ad esempio un largo uso di mercurio, nonostante ne fosse già nota la tossicità elevata). Così alcuni medici finanziati dal governo vollero sperimentare se non trattare la malattia potesse dare risultati migliori dei trattamenti medici ufficialmente approvati.

Tuskegee
Somministrazione di placebo alle persone affette da sifilide

Iniziò così il tragicamente famoso “esperimento di Tuskegee”, andato avanti fino al 1972, per studiare gli effetti della progressione naturale della malattia su un paziente infetto non curato. Furono reclutati 399 mezzadri di colore, tenuti all’oscuro di come si sarebbe svolto l’esperimento. A 201 di costoro fu inoculata la sifilide: da quel momento furono tenuti sotto osservazione senza essere mai curati, nonostante già nel 1940 si fosse dimostrata l’efficacia della penicillina come cura. I medici impegnati nell’esperimento rifiutarono sempre di utilizzarla, per non interrompere lo “studio” che così andò avanti 40 anni prima che una fuga di notizie ne imponesse la chiusura.

Tuskegee
Alcuni sintomi della sifilide

La cosa pazzesca fu non solo che molti soggetti morirono, ma che a tutti costoro si continuò a dire consapevolmente una bugia, sostenendo che non soffrissero di sifilide ma di “sangue cattivo”, rifiutando loro le cure o dando loro dei placebo del tutto privi di alcuna efficacia. Il bilancio di quello che è considerato il più disumano “esperimento medico” statunitense, per molti non meno crudele dei famigerati esperimenti sui prigionieri di guerra del medico militare nazista Josef Mengele, fu di 28 morti di sifilide, altri 100 morti per complicazioni collegate alla malattia, 40 mogli dei pazienti infettate, 19 figli nati morti a causa di sifilide congenita.

Tuskegee
Bambino affetto da sifilide

Tags: Salute, USA, Teorie del complotto, Epidemie