Fanwave.it
Fanwave.it

Basi aliene in Italia: un'allarmante realtà!

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 4.47 (17 Votes)

Esistono basi aliene in Italia? Se nel corso degli anni più fonti hanno lasciato intendere che simili basi potessero esistere, in alcune delle regioni più impervie del pianeta, a prima vista sembrerebbe difficile pensare che la penisola italiana possa prestarsi ad ospitare veivoli automatici o con equipaggio alieno provenienti da altri pianeti extrasolari.

Stormo di Ufo a Chieti
Stormo di Ufo avvistato a Chieti

Eppure una fotografia scattata il pomeriggio del 21 agosto 2015 in quel di Chieti in cui si notano una decina di luci che apparentemente si muovono in formazione a velocità supersonica, dunque tali da poter essere notate solo dopo lo scatto dell’immagine digitale e difficilmente prima a occhio nudo, ha riaperto la discussione sull’esistenza di una (o più) simile base anche nel nostro paese.

Ischia, Agartha e gli ufo

Se a Ischia il Monte Epomeo è stato da secoli collegato da varie leggende al mondo sotterraneo di Agartha, ma in epoca più recente è stato indicato come luogo caratterizzato anche da un’intensa attività ufologica, cosa che ha fatto sospettare la possibile esistenza di una qualche istallazione nascosta di natura aliena (o militare terrestre), alcuni ufologi sostengono che in realtà una base aliena sotterranea sia sì esistita, ma si sarebbe trovata tra Ortona e Rimini estendendosi dunque su un’area dalla lunghezza di circa 235 chilometri (e dall’ampiezza ignota).

Basi aliene in Italia
Avvistamenti Ufo segnalati ufficialmente da piloti dell'Aeronautica Militare nel 2009
Basi aliene e contattisti italiani

A tale area hanno fatto in passato riferimento diversi “contattisti” italiani, come Stefano Breccia, convinti assertori dell’esistenza di un gruppo di alieni (i “W56”, dall’anno in cui sarebbero iniziati i primi contatti regolari con alcuni italiani, o “Akrij” come li denominano alcuni autori americani) che si sarebbero mostrati molto amichevoli intrattenendo rapporti per una ventina d’anni con gli italiani, cui spesso ribadivano concetti come l’importanza dell’amore e del rispetto e l’ammonimento a non scherzare troppo con le armi atomiche. La base sarebbe andata distrutta nel 1978 a causa dello scontro con un altro gruppo di alieni (i “CTR” o “contrari”) e i W56 avrebbero lasciato il pianeta, promettendo peraltro di farvi un giorno ritorno.

Che siano effettivamente tornati? O è forse solo frutto di tanta immaginazione e di qualche difetto della fotocamera digitale con cui a Chieti è stata ripresa l’immagine della formazione di Ufo in volo sopra la città? Di certo se qualcuno pensava che il fenomeno Ufo e le relative basi segrete fosse confinato agli Usa o alla Gran Bretagna dovrà ricredersi: vero o meno che siano, anche l’Italia appare ormai pienamente coinvolta nel grande traffico mondiale degli Ufo.

Tags: Ufo, Alieni, Basi aliene, Avvistamenti