Fanwave.it
Fanwave.it

L'Epomeo di Ischia, la Terra cava e il regno di Agartha

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 4.61 (19 Votes)
Veduta dal Monte Epomeo
Veduta dal Monte Epomeo

Che l’area del golfo di Napoli abbia origine vulcanica è noto ed a volte persino evidente: ancora nel marzo 2015 le acque hanno infatti cominciato a ribollire per l’emersione in superficie di gas vulcanici dal fondo sottomarino, sotto il quale a una profondità tra gli 8 e gli 11 chilometri si trova un grande serbatoio magmatico tuttora attivo. Lisola di Ischia, in particolare, rappresenta la porzione sommitale di un cono vulcanico che si trova a circa 900 metri di profondità sotto il livello del mare.

Monte Epomeo, porta d'accesso ad Agartha

Ma il Monte Epomeo che domina Ischia (rappresentando circa il 34% della superficie totale della celebre “isola verde”) non è un vulcano ma un immenso blocco inclinato di tufo verde fuoriuscito dalle profondità della terra al termine di una grande eruzione, di tipo esplosivo, circa 55.000 anni fa. Ma dell’Epomeo esiste una seconda storia, che affonda nel mito oltre che nella storia, quella che vorrebbe che rappresenti una delle porte d’accesso alla mitica “terra cava” o “terra interna” del regno di Agartha. Il primo a parlarne in pieno Medioevo fu Corrado di Querfurt, vescovo di Hildesheim e poi di Würzburg, che servì come cancelliere Arrigo VI dal 1194 al 1201.

Agartha
Il regno di Agartha con i diversi ingressi nascosti nel mondo

Nel 1196 (anno in cui venne nominato legato generale per la Puglia e la Sicilia) in una serie di epistole il vescovo tedesco parla di come sia riuscito a penetrare in un anfratto su un monte, raggiungendo una misteriosa città sotterranea, prima di essere costretto alla fuga da alcuni guardiani “fatti di aria” ma armati di spada e frecce. Quefurt ubicò il monte in questione sull’isola di Ischia, dove però collocò anche le anime penitenti, che la leggenda vuole invece associate ai Campi Flegrei. Il monte era dunque l’Epomeo o il Monte Barbaro a Pozzuoli, dove già Virgilio Mago, figura leggendaria medioevale napoletana (di cui lo stesso Quefurt scrisse descrivendo le opere meravigliose che egli avrebbe lasciato a Napoli), si sarebbe recato.

Anche Hitler fece fare ricerche ad Ischia

La ricerca della terra cava e del regno di Agartha coinvolse anche i Nazisti durante la seconda guerra mondiale. Hitler, ossessionato dall’esoterismo e dai miti di antiche civiltà tecnologicamente evolute e ancora nascoste in qualche parte della terra, provò a ritrovare Agartha, ufficialmente senza successo. Ad Ischia i Nazisti avrebbero cercato l’entrata del possibile tunnel dell’Epomeo partendo dal luogo più misterioso dell’isola, la grotta di Mavone, oggi praticamente inaccessibile, situata in località Scannella (frazione di Panza, a Forio d’Ischia) su un costone roccioso a picco sul mare. Le ricerche sarebbero poi proseguite con l’analisi della Grotta del Mago (che si trova ad Ischia Ponte dopo gli scogli di S. Anna, ed è oggi solo parzialmente accessibile), anticamente già sede di un culto solare.

Monte Epomeo
Casa in roccia sul Monte Epomeo

Nulla è dato sapere dell’esito delle ricerche effettuate ormai oltre 70 anni fa, ma fino ad oggi il misterioso passaggio, se è mai esistito, non è stato ritrovato. In compenso tutte le moderne teorie astronomiche e geologiche ci dicono che la terra non può essere cava e dunque che non averebbe senso cercare possibili “porte” d’ingresso per un fantastico viaggio al centro della Terra. Eppure il monte Epomeo continua ad affascinare ed attorno a lui continuano ad essere segnalati fenomeni apparentemente inspiegabili, come i numerosi avvistamenti di Ufo avvenuti in questi anni.

I misteri irrisolti di Ischia

E se ci fosse un fondo di verità nelle leggende, una delle quali, tra l’altro, narrata fin dal 1874 dallo scrittore danese Jorgen Vilhelm Bergsoe nelle sue “Novelle italiane”, parla di un’armata saracena scomparsa letteralmente dopo essersi rifugiata in una conca nei pressi del Monte Tabor, presso Casamicciola, sempre a Ischia?

Se la “terra cava” è improbabile, l’esistenza di uno o più cunicoli, naturali o meno che siano, che colleghino l’Epomeo ad altre località sull’isola di Ischia o persino sulla vicina costa campana potrebbe essere meno irrealistica. Che poi questi cunicoli, come altri presenti in altre località terrestri, possano essere stati utilizzati anche come basi militari o finanche da Ufo resta tuttora un mistero in attesa di una definitiva conferma o smentita.

Tags: Ufo, Misteri irrisolti, Ischia