Fanwave.it
Fanwave.it

Michio Kaku (non) ha dimostrato che Dio esiste

1 1 1 1 1 1 1 1 1 1 Rating 4.72 (9 Votes)

Michio Kaku

Che alcuni scienziati professino apertamente la propria fede in Dio (qualunque sia il dio specifico) non è una novità, se però a dichiarare che Dio esiste, governa tutto ed è un matematico è Michio Kaku, con Stephen Hawking probabilmente il fisico vivente più celebre al mondo, considerato tra i padri della teoria delle stringhe (di cui è stato il primo a dare una formulazione in termini di teoria di campo), è inevitabile che i media “mainstream” drizzino le antenne, rilanciandone le dichiarazioni.

Secondo le dichiarazioni riportate da molti siti in tutto il mondo lo scienziato avrebbe dichiarato che utilizzando la tecnica del “semi-radio primitivo di tachioni”, ha potuto giunger alla conclusione che viviamo in un una sorta di Matrix, un mondo “fatto di regole create da un’intelligenza, non molto diverso dal suo videogioco preferito, ovviamente, più complesso e impensabile”. Dunque altro che caso, fato o destino: viviamo, da sempre, “in un piano governato da regole create e non determinate dalle possibilità universali:, Dio è un gran matematico”.

Ma è proprio vero? Non proprio: anzitutto nessuno degli articoli che riportano queste “dichiarazioni” cita con precisione quando e dove lo scienziato le avrebbe fatte. Di sicuro non le ha fatte ora, come farebbe pensare l’ampia ripresa della notizia in queste ultime settimane. In realtà dovrebbero risalire al 2011 visto che già in questo blog se ne parlava.

Michio Kaku

Curiosamente, ma non troppo, i primi blog a rilanciare la notizia, ormai oltre quattro anni fa, erano blog religiosi che hanno iniziato a parafrasare e arricchire il pensiero espresso dal fisico. Il “dio” a cui sembra fare riferimento Kaku non è necessariamente quello cristiano (o musulmano, o induista o altro storicamente e culturalmente connotato), quando un astratto demiurgo che sembrerebbe guidare l’universo il quale, questo sì, risponde puntualmente a leggi fisiche e matematiche che non lasciano molto spazio al caso.

Nelle versioni del 2011 si riporta una frase in particolare in cui Kaku spiega: la regola del cosmo è la “super simmetria, una simmetria che viene fuori dalla fisica, non dalla matematica, e ha sconvolto il mondo della matematica. Ma -aggiunge - vedete, tutto questo è matematica pura e così la soluzione finale potrebbe essere che Dio è un matematico”. E “la mente di Dio crediamo sia musica cosmica, la musica delle stringe risonanti attraverso 11 iperspazi dimensionali. Questa è la mente di Dio”.

Kaku non ha realmente dimostrato “scientificamente” l’esistenza di Dio né ha voluto dimostrare che viviamo tutti in una grande simulazione cosmica in stile Matrix (veramente non ha neppure mai nominato il film dei fratelli Wachowski), semmai sostiene che la mente di Dio risiede nella matematica e che pertanto la matematica è espressione della mente di Dio. Insomma, per Kaku la scienza non ha bisogno di dimostrare che Dio non esiste né deve cercare la prova che Dio esista.

Michio Kaku

L’universo di per sé è la prova di un’armonia superiore, tale da apparire ai nostri occhi come se fosse governato dalla mente di un Dio matematico. Scienza e fede possono convivere, anche senza forzare l’interpretazione delle parole di un celebre fisico e matematico. Che poi forzare le sue parole possa far comodo a una qualche forma di condizionamento inconscio o di “nuovo ordine mondiale” è possibile, ma questa è tutta un’altra storia.

Tags: Scienze, Media, Bufale