Fanwave.it
Fanwave.it

Ufo hanno più volte rischiato di causare incidenti aerei

Air China

Il mezzo aereo resta quello più sicuro secondo le statistiche, che però mancano di riferire un fenomeno che a detta di molti osservatori sta aumentando in questi ultimi anni: le collisioni sfiorate con Ufo. Che poi l’Ufo sia un veivolo alieno o un aereo militare di qualche tipo, nessuno finora è stato in grado di dimostrarlo in un numero crescente di episodi, che meriterebbero quanto meno un approfondimento d’indagine.

Collisione sfiorata nel 2014

Nel Gennaio 2014, ad esempio, The Telegraph riferì di una collisione sfiorata tra un Airbus A320 in avvicinamento a Heathrow all’altezza di 34 mila piedi con quello che il pilota riferì essere un oggetto volante non identificato della forma di un pallone di rugby passato apparentemente a pochi piedi di distanza dall’aeromobile, tanto che il pilota dovette abbassare di colpo l’aeromobile per evitare la potenziale collisione.

Air China

Altro incidente sfiorato venne riferito da The Daily Mail il 4 giugno 2013, tra un Boeing 757 di Air China in volo da Chengdu a Guangzhou a 26 mila piedi e costretto ad un atterraggio d’emergenza dopo che una collisione con un Ufo danneggiò il muso dell’aeromobile, per fortuna senza causare lacerazioni della fusoliera o altri danni. Ufficialmente il pilota chiese alla torre di controllo di Chengdu di poter fare ritorno a terra in procedura di atterraggio d’emergenza per un “guasto meccanico”.

Ma una volta che l’aereo fu a terra si vide chiaramente che a causare il danno doveva essere stata una collisione con un oggetto di dimensioni non proprio minuscole: pare da escludere possa essere stato un volatile (vista l’altitudine a cui si trovava l’aereo) o un pallone sonda (che non avrebbe causato un simile danno), mentre non si hanno notizie di droni che si trovassero nell’area in quel momento.

Gli ufo di Gatwick e del West Sussex

Ancora nel 2013 a Gatwick i passeggeri di alcuni aerei di linea segnalarono un Ufo avvicinarsi a distanza ravvicinata agli aeromobili, ma i radar a terra non rilevarono nulla. Qualche riscontro si ebbe invece alle testimonianze di alcuni piloti che dissero di aver visto tre oggetti volanti non identificati di color argenteo e a forma di sigaro volare sopra il West Sussex. I controllori di volo in quel caso dissero infatti di aver visto alcuni segnali radar, ma che gli stessi erano scomparsi dopo pochi secondi, impedendone dunque ogni identificazione.

Il caso più recente di un Ufo visto, anzi filmato, dal passeggero di un aereo di linea è quello di qualche settimana fa sui cieli dell’aeroporto di Damasco. In questo caso in verità vi è più di un dubbio sul fatto che si tratti di un vero e proprio Ufo e che non possa essere semplicemente un altro aereo in avvicinamento. Di certo se tutti i casi finora rimasti senza una spiegazione ufficiale dovessero in qualche modo dimostrarsi collegati a un’attività di natura aliena, verrebbe da chiedersi come sia possibile che nessun governo mondiale, a partire da quello statunitense, non abbia pensato a diramare quanto meno delle procedure di “ingaggio” da seguire nel caso di incontri fin troppo “ravvicinati” e tali da poter creare un potenziale pericolo per il traffico aereo.

Tags: Ufo, Aerei, Avvistamenti