Fanwave.it
Fanwave.it
Potere alle donne!

In Italia il potere (ancora) non è donna

In Italia una donna può diventare potente solo grazie alla famiglia o al matrimonio. Tra le 100 più potenti al mondo solo Miuccia Prada.

Il potere non conosce "quote rosa", ma certo scorrendola classifica delle 100 donne più potenti al mondo qualche dubbio che l'Italia non sia ancora al passo col resto del mondo per quanto riguarda le differenze "di genere" viene. Solo un nome italiano è inserito nella lista compilata come ogni anno da Forbes, quello di Miuccia Prada, stilista e comproprietaria dell'omonima casa di moda italiana, che compare al 75esimo posto. Miuccia, 65 anni, nipote del fondatore del marchio, compare anche nella lista dei 39 miliardari italiani (al nono posto, con poco più di 5,1 miliardi di euro di patrimonio personale) e in quella dei 1.826 miliardari mondiali (al 405esimo posto).

Ancora oggi per essere "potenti" , o quanto meno "ultra ricche", le donne italiane devono in genere essere figlie, mogli o vedove di uomini potenti: la più ricca di tutte in Italia è la vedova di Michele Ferrero, Maria Franca Fissolo Ferrero, che con 25,5 miliardi di euro di patrimonio personale è la persona più ricca in assoluto nel "bel paese". Dietro di lei Massimiliana Landini Aleotti, vedova di Alberto Aleotti (fondatore del gruppo farmaceutico Menarini), può vantare un patrimonio di oltre 11,3 miliardi di euro. Ancora più indietro, oltre alla già citata Miuccia Prada, si trovano Giuliana Benetton (che come i fratelli Carlo, Gilberto e Luciano ha ereditato l'azienda dal padre e dispone di un identico patrimonio personale di 3,2 miliardi), Anna Rosa Magno Garavoglia, vedova di Domenico Garavoglia (ex amministratore del gruppo Campari di cui divenne azionista di controllo avendo ereditato i titoli da sua madre, Angiola Maria Migliavacca Campari, nel 1982), sempre con 3,2 miliardi di euro di patrimonio personale, e Marina Prada (sorella di Miuccia), che sfiora i 2 miliardi di euro di patrimonio.

Fuori da ogni classifica, di "potere" o di "ricchezza" in termini assoluti, figure che pure hanno un rilievo a livello nazionale, come Marina Berlusconi (figlia di Silvio ed amministratore delegato del gruppo Mondadori), Emma Marcegaglia (figlia di Steno ed ex presidente di Confindustria, attuale presidente dell'Eni) o Marina Salamon (“ex” di Luciano Benetton, "ex" di Marco Benatti), dal 1991 proprietaria dell'istituto di ricerca Doxa. Decisamente per le donne che lavorano in Italia non c'è molto da festeggiare neppure in questo 8 marzo.

  • Miuccia Prada
  • Maria Franca Fissolo Ferrero
  • Massimiliana Landini Aleotti
  • Giuliana Benetton
  • Marina Prada
  • Marina Berlusconi
  • Emma Marcegaglia
  • Marina Salamon

Tags: Articoli, Italia, Donne