Fanwave.it
Fanwave.it

Majestic 12, una massoneria fedele solo agli alieni

Harry Truman
Harry Truman, fondatore dei Majestic 12

Può un’organizzazione essere così segreta da non informare della proprie attività neppure l’autorità che la costituì? Dipende.

Ufficialmente Majestic 12 non è mai esistita

Ufficialmente Majestic 12 non è mai esistita, ma la cosa è quanto meno ovvia trattandosi di un’organizzazione che si dice essere stata voluta nel 1947 dal presidente Harry Truman per analizzare, di nascosto dall’opinione pubblica mondiale, le prove della presenza di creature aliene sulla Terra rinvenute dopo l’incidente di Roswell, in New Mexico.

Di fatto Majestic 12 o MJ-12, un gruppo di superesperti civili e militari potrebbe essere diventata una sorta di “superagenzia” segreta.

Majestic 12
I primi membri del Majestic 12

Uno scarno elenco di nomi

Così discreta che per riuscire a trovare tracce di chi ne ha fatto parte ci sono voluti anni di indagini: nell’elenco compaiono nomi di scienziati del calibro di Wernher Von Braun, politici come il Segretario alla Guerra americano, Kenneth Claiborne Royall, e il suo collega James Vincent Forrestal, Segretario della Difesa, esperti come Vannevar Bush (primo consulente scientifico di Truman, responsabile del Progetto Manhattan che realizzò la prima bomba atomica, sganciata sul Giappone nel 1945) e militari come l’ammiraglio Chester Nimitz.

A MJ-12 farebbero capo i “men in black” da utilizzare secondo il “progetto Sign”, per sviare indagini o anche solo semplice curiosità attorno a avvistamenti e “contatti” alieni sulla Terra dopo il clamore suscitato dall’episodio di Roswell.

men in black
Presunti MiB ripresi dalla telecamera di sicurezze di un Hotel in Canada.

Neppure Kennedy riuscì a sapere molto di Majestic-12

Gli uomini in nero, che hanno finito col diventare parte della cultura popolare, sarebbero dunque agenti del Majestic 12, un gruppo così segreto che quando il presidente John Fitzgerald Kennedy chiese maggiori informazioni sulle attività condotte, a fine giugno 1961, ottenne solo una risposta elusiva da parte di Allen Dulles, all’epoca a capo della Cia.

Dulles in particolare spiegò in un memorandum classificato “top secret” di “non poter divulgare, per motivi di sicurezza, dati pertinenti ad alcuni degli aspetti più sensibili delle attività del MJ-12(“For reasons of security, I cannot divulge pertinent data on some of the more sensitive aspects of MJ-12 activities”).

Molti sospettano del resto che lo stesso Dulles, con Gordon Gray (consigliere per la sicurezza nazionale), il generale Andrew Goodpaster, James Douglas (Segretario della Difesa) e Livingston T. Merchant (sotto-ministro degli affari politici) fossero i massimi responsabili di un gruppo altrettanto segreto (lo NSC 5412/2 Special Group), creato all’interno della Cia nel 1954 dal presidente statunitense Dwight Eisenhower (che nel 1952 sarebbe stato testimone dell’apparizione di un Ufo durante un’esercitazione navale Nato, a bordo della portaerei Roosvelt).

Questo gruppo avrebbe tenuto i contatti con Majestic-12 per controllarlo da vicino ed evitare che il suo potere crescesse eccessivamente, stante il rifiuto apposto dallo stesso Majestic 12 a dargli pieno accesso alle informazioni sugli alieni possedute dal gruppo.

Un potere che secondo i teorici della cospirazione è effettivamente cresciuto, sia pure tra non poche lotte intestine tra una parte dei membri che era propensa a divulgare le informazioni acquisite e una fazione disposta anche a eliminare fisicamente coloro che non volevano mantenere il segreto più assoluto (come potrebbe essere accaduto a Forrestal prima e a Kennedy poi) fino a far diventare MJ-12 una sorta di “governo ombra” degli Stati Uniti.

Questo almeno per tutto quanto riguarda le attività e i contatti con alieni avvenuti sul nostro pianeta e forse non solo.

Majestic 12

Il ruolo di Majestic-12 nel Nuovo ordine mondiale

Con gli anni MJ-12 sarebbe infatti entrato in contatto il Commitee of the Majority, organizzazione massonica che si presume coordini i contatti con alieni presenti sulla Terra e le operazioni per favorire l’avvento del Nuovo ordine mondiale (NWO).

Majestic-12, in particolare, avrebbe coordinato tutte le attività scientifiche avvenute presso installazioni segrete come l’Area 51, la Base Dulce e a Frenchmman’s Mountain. MJ-12, che nel tempo allo studio e alla gestione, lontano da occhi indiscreti, della tecnologia e dei contatti con alieni sulla Terra, avrebbe dunque affiancato una nuova e più oscura missione, sarebbe tuttora pienamente operativa anche se nel frattempo l’elenco dei suoi membri è ovviamente cambiato.

Tra i nomi “sussurrati” dei possibili membri attuali anche l’ex Segretario di Stati Usa, Henry Alfred Kissinger, l’ex governatore della Federal Reserve, Alan Greenspan, l’ex Consigliere della Sicurezza Nazionale sotto la presidenza Carter, Zbigniew Brzezinski, piuttosto che il Premio Nobel per la medicina ed ed Direttore del National Institutes of Healt, Harold Varmus.

Dai rottami dell’ufo di Roswell all’interrogatorio di un misterioso “alieno grigio”, fino al tentativo di controllo delle attività dei governi: la missione di Majestic-12 sembra farsi ogni giorno più minacciosa al punto che qualche analista ha avanzato un’ipotesi.

Non sarà che gli alieni che Majestic-12 avrebbe dovuto analizzare e controllare, sono riusciti a infiltrarsi nell’organizzazione e assumerne il controllo, piegandola ai propri interessi? Il mondo potrebbe non scoprirlo mai.

Tags: Top secret, Ufo, Alieni, Società segrete, Majestic 12